Effetto Biologico

Sono stati ipotizzati meccanismi biologici complessi per gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulle patologie cardiovascolari: si tratta di effetti diretti degli inquinanti sul cuore e sui vasi, sul sangue e sui recettori polmonari e di effetti indiretti mediati dallo stress ossidativo e dalla risposta infiammatoria. Effetti diretti potrebbero essere dovuti alle particelle
molto fini, gas o ai metalli di transizione, che attraversano l’epitelio polmonare e raggiungono il circolo ematico. Potrebbe inoltre avere un ruolo importante l’attivazione del riflesso neurale secondario all’interazione del PM con i recettori polmonari. Le alterazioni del tono autonomico, in alcune circostanze, potrebbero contribuire all’instabilità della placca vascolare o innescare disturbi aritmici del cuore. Questi effetti diretti dell’inquinamento atmosferico rappresentano una spiegazione plausibile della rapida (entro poche ore) risposta cardiovascolare, con un incremento della frequenza dell’infarto del miocardio e delle aritmie. Il meccanismo indiretto mediato dallo stress ossidativo provoca un indebolimento delle difese antiossidanti e un conseguente aumento della infiammazione nelle vie aeree e nell’organismo.

tratto dai Quaderni di  Epidemiol Prev anno 33 (6) novembre-dicembre 2009 Inquinamento atmosferico e salute umana.

LEGGI TUTTO


Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information